• Today is: mercoledì, Settembre 27, 2023

Fincantieri, sciopero e presidio a Genova dopo la morte di un operaio

redazione
Giugno14/ 2018

Presidio di protesta questa mattina ai cancelli dello stabilimento Fincantieri di Genova, dopo la morte di Salvatore Lombardo, operaio di 43 anni caduto da 20 metri di altezza nel tardo pomeriggio di ieri mentre stava compiendo alcuni lavori di saldatura su una nave in costruzione.

I sindacati di categoria Fim, Fiom e Uilm hanno indetto per la giornata di oggi uno sciopero di 8 ore su tutti e tre i turni.

“In attesa che venga accertata dalle autorità preposte, speriamo nel più breve tempo possibile, la dinamica della tragedia, l’ennesima su un posto di lavoro – si legge in una nota della Cisl della Liguria- non possiamo che evidenziare il fatto che ci troviamo di fronte a una vera carneficina. Alla piaga cui assistiamo senza soluzione di continuità deve essere posto un freno, l’emergenza sicurezza nei posti di lavoro deve essere collocata saldamente in cima alle priorità del governo e delle istituzioni tutte”.

“Si lavora -ha aggiunto il segretario genovese della Fiom Cgil, Bruno Manganaro- per poter vivere decentemente insieme alla propria famiglia, ma il lavoro insicuro può portare alla morte. Bisogna che velocemente si convochi un tavolo presso la Prefettura insieme al sindacato, gli enti locali, la Fincantieri, Asl e Inail perché è necessario capire e trovare soluzioni a queste morti. La morte di Salvatore -ha concluso il segretario – deve essere ricordata evitando che tutto si ripeta”.

redazione

Articoli correlati