• Today is: sabato, Gennaio 28, 2023

Accordo regioni-governo sulle politiche attive centri per l’impiego

redazione
Settembre08/ 2017

Nel corso dell’incontro fra gli assessori regionali al lavoro e il ministro del Lavoro, GiulianoPoletti, è stato raggiunto un’intesa per definire un accordo politico istituzionale preliminare a un quadro omogeneo di gestione dei servizi per il lavoro.

Per il segretario nazionale della Fp Cgil nazionale, Federico Bozzanca, il risultato dell’incontro che si è tenuto ieri, 7 settembre, rappresenta “una prima importante vittoria della mobilitazione di questi anni”.

L’accordo prevede la copertura delle risorse per il personale dei Centri per l’Impiego e la stabilizzazione del personale precario, ponendo così fine “ad una profonda crisi istituzionale che ha avuto delle ripercussioni pesanti sul sistema dei servizi”, aggiunge Bozzanca.

Durante l’incontro, sono stati affrontati anche i temi  relativi all’individuazione dei livelli essenziali delle prestazioni e alla definizione di un sistema di accreditamento che garantisca, in un proficuo rapporto tra pubblico e privato, la qualità dei servizi su  tutto il territorio nazionale.

Il ministro Poletti ha aperto il tavolo  ricordando quanto l’accordo sia fondamentale per garantire  l’infrastruttura necessaria alla messa in atto di politiche nazionali  e regionali efficaci ed efficienti, dichiarando che nella prossima  legge di bilancio saranno definite le risorse e le regole per il  passaggio definitivo alle Regioni del personale a tempo indeterminato  e determinato dei centri per l’impiego, in un’ottica di stabilità del sistema

“All’impegno del governo a stanziare in legge di Bilancio le risorse per i Centri per l’impiego occorre un’ulteriore impegno per le risorse necessarie al funzionamento delle Province e delle Città metropolitane – sottolinea infine il segretario della Fp Cgil -. Per questo rimaniamo impegnati nella mobilitazione unitaria che abbiamo promosso e che nei prossimi giorni si intensificherà”.

E. M.

redazione