• Today is: domenica, Gennaio 29, 2023

Riace. Re David (Fiom), “E’ arrivato il momento di rispondere con mobilitazione democratica ampia”

redazione
Ottobre15/ 2018

“In questi giorni stiamo assistendo quotidianamente a manifestazioni di criminalizzazione della povertà, della differenza di religione, nazionalità con la complicità delle azioni di governo. Al centro degli attacchi non solo migranti, profughi e rifugiati ma anche i volontari che in questi anni si sono impegnati per impedire i naufragi in mare o per creare accoglienza, integrazione e convivenza nelle nostre città” ha dichiarato il segretario generale della Fiom-Cgil, Francesca Re David.

“Il ministero degli interni sembra avere come bersaglio le reti di solidarietà mentre organizzazioni di ispirazione neofascista, macista e razzista, alimentano un clima di odio e violenza attraverso la loro natura palesemente incostituzionale. Questo clima di discriminazione crescente vede istituzioni locali ridurre gli investimenti nei servizi pubblici a scapito dei diritti di uomini, donne e soprattutto bambini sulla base del censo e della differenza di nazionalità d’origine.”

“Siamo un Paese d’immigrazione e di emigrazione – continua Red David – gli italiani sanno cosa ha significato e cosa significhi essere costretti a cercare un futuro diverso da quello che la guerra, la povertà determinano. La ‘guerra tra ultimo e penultimo’ è il miglior sistema per garantire che la ricchezza continui a finire nella rendita e non negli investimenti utili per il lavoro di cui il nostro Paese ha estremo bisogno per la salute, l’istruzione e l’ambiente per tutti i cittadini.”

“Un esempio riconosciuto nel mondo di immigrazione come crescita è la sperimentazione avviata in un piccolo comune della Calabria, Riace. Il lavoro per il bene della comunità sperimentato dal sindaco Mimmo Lucano è la dimostrazione che il razzismo e la xenofobia sono generati dalle forme diverse di povertà culturale, di arroganza, prevaricazione alimentate dal disagio e impoverimento di tanti strati della società. A Riace con il lavoro si dà futuro a un paese altrimenti possibile preda delle ‘ndrine e spopolato dall’emigrazione. Il ministro degli interni ha deciso di impedire che questo spazio di umanità possa andare avanti attraverso un provvedimento che caccia via i migranti da Riace. Un modello vincente contro l’odio e la paura che dovrebbe essere portato dal governo in Europa viene invece criminalizzato.

“La Fiom – ha concluso – è impegnata nel riaffermare i valori umani, civili e politici della nostra Costituzione. L’umanità da salvaguardare non è solo di chi rischia la vita per provare ad avere una nuova vita ma anche di chi non si chiude nell’egoismo e nell’indifferenza. L’uguaglianza è il presupposto di una società libera e giusta di cui abbiamo bisogno. E’ il momento di rispondere con la mobilitazione democratica più ampia possibile. Alziamo la voce”.

redazione

Articoli correlati