• Today is: giovedì, Febbraio 2, 2023

Camusso, il governo ci ascolti e si confronti, o sara’ mobilitazione

redazione
Ottobre22/ 2018

Il governo arriva alla legge di bilancio “senza aver discusso con nessuno”. A denunciarlo è la leader della Cgil, Susanna Camusso, in occasione della riunione degli esecutivi nazionali di Cgil, Cisl e Uil. Camusso chiede all’esecutivo di aprire un confronto con le forze sociali.

“La scelta del non confronto – ha spiegato – coincide spesso con il non avere idea di che cosa sia la rappresentanza e con il provare a negare l’esistenza della rappresentanza”.

 I sindacati, avverte Camusso, sono pronti a forme di mobilitazione in caso dal governo non arrivino risposte alla richiesta di un confronto sulla manovra economica. “Da parte nostra – ha detto – c’è una esplicita richiesta di confronto. Se non ci sarà questo confronto, se non ci saranno risposte – ha detto a chi le chiedeva se i sindacati fossero intenzionati a mobilitarsi – decideremo come reagire”.

Quanto al giudizio sulla manovra economica targata Lega-Cinquestelle, la leader della Cgil punta il dito contro il condono spiegando: “Ancora una volta il messaggio è che l’evasione paga”. Anche le altre misure annunciate fiscali, secondo Camusso, portano a una “crescita delle disuguaglianze fiscali”.

Grande assente poi “il tema del lavoro: nella manovra manca il lavoro”. Questo “perché mancano investimenti e manca il Mezzogiorno, l’idea cioè di chiudere il divario tra Nord e Sud”, ha concluso.

redazione