• Today is: domenica, Gennaio 29, 2023

PiaggioAero, D’Alò (Fim-Cisl): si continua a perdere tempo, speriamo non ci siano sorprese

redazione
Febbraio26/ 2019

“E’ da poco terminato l’incontro presso Il Ministero dello Sviluppo Economico, tra le organizzazioni sindacali, il commissario Pietro Nicasto e per il Governo il vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial, il sottosegretario Crippa, il Colonnello Riggio in rappresentanza del Ministero della Difesa.

La vertenza Piaggio Aero è ripartita, solo oggi a distanza di 3 mesi dalla richiesta di amministrazione straordinaria e dopo la nomina del Commissario il 3 dicembre scorso.

Dall’incontro ci aspettavamo qualche indicazione più puntuale del governo rispetto ai possibili scenari sul futuro dell’azienda e dei lavoratori.

Il governo si è limitato a comunicato attraverso il sottosegretario Crippa che giovedì prossimo è prevista la commissione parlamentare congiunta alla difesa per decidere il provvedimento per il finanziamento su possibile completamento del progetto P1HH . Tutto ciò per arrivare a formulare una commessa in modalità Dual use.

La commessa da 766 mln sarà rimodulata anche in ottica di partecipazione italiana al progetto europeo male 2025 utilizzando le esperienze acquisite col P1HH sul progetto europeo.

La rimodulazione (inizialmente di 250miloni) attraverso iter e approvazione delle commissioni per il costo della certificazione del P1HH (70mioni) più l’acquisto di 4 P1HH (180 milioni) che il

Ministrto della Difesa ha dichiarato attraverso il Colonello Riggio la volontà di acquisto in una prospettiva di attività duale. Per il P180 si potrebbero verificarsi degli ordini istituzionali ma a oggi ancora in fase di valutazione.

Speriamo di non trovarci di fronte qualche altra sorpresa, visto il tempo e le promesse che sono passate invano.

La commessa istituzionale è necessaria, senza ulteriori perdite di tempo, serve far ripartire subito i reparti fermi della Piaggio, ad oggi l’azienda ha garantito il pagamento degli stipendi fino a marzo, altrimenti saranno guai. C’è poi il problema dei lavoratori della Laerh a oggi in cassa integrazione, vitale per il completamento degli aerei”. Lo dichiara in una nota la Fim-Cisl.

TN

redazione